CONTATTI MAPPA DEL SITO

. Chi siamo
. Progetto
. Storia
. Video costituzione
   

Cuore Amico - Progetto

Secondo lo Statuto l’Associazione è nata per il perseguimento dei seguenti scopi:

- Promuovere iniziative pubbliche per far conoscere ad una base sempre più ampia i fattori di rischio che provocano le malattie cardiovascolari

- Promuovere iniziative rivolta alla prevenzione delle cardiopatie attraverso stampa (pubblicazioni, periodico dell’Associazione, giornali locali, ecc.), conferenze, dibattiti e controlli sanitari, presso la sede ed in occasione di pubbliche manifestazioni;

- Sostenere gli Associati colpiti da cardiopatie con visite in ospedale e, nelle fasi successive della malattia, aiutarli a reinserirsi nel contesto sociale e nella scelta di appropriate forme di riabilitazione;

- Divulgare le tecniche di rianimazione cardiologica organizzando corsi rivolti a medici e laici nel tentativo di salvare delle vite umane;

- Organizzare corsi di cucina per insegnare una corretta alimentazione atta a modificare quelle abitudini alimentari sbagliate che sono fattori di rischio conclamate delle malattie cardiovascolari;

- Organizzare attività fisiche, culturali e turistiche ricreative atte a favorire il miglioramento della qualità della vita favorendo la socializzazione e la solidarietà fra gli associati attraverso passeggiate terapeutiche corsi di ginnastica, yoga, training autogeno, sci di fondo, gite ciclistiche e simili;

- Promuovere iniziative atte a migliorare il servizio sociosanitario sensibilizzando società ed istituzioni su quelli che sono i reali bisogni della collettività;

- Promuovere l’attività epidemiologico preventiva consistente nell’individuazione ed attuazione di indagini statistiche nel settore, nell’ambito del territorio in cui opera la stessa organizzazione, onde produrre interventi di educazione sanitaria e di lotta contro i fattori di rischio, nonché un’attenta valutazione dell’assistenza sanitaria al fine di ridurre l’incidenza e la mortalità delle malattie cardiovascolari;

- Promuovere l’attività di assistenza riabilitativa fisica e psicologica dopo il manifestarsi della patologia;

- Promuovere l’attività di assistenza finalizzata al superamento delle difficoltà burocratiche per la tutela dei diritti del malato;

- Sollecitare il potenziamento in qualità e quantità delle attrezzature cardiologiche delle unità operative di cardiologia esistenti sul territorio di operatività dell’Associazione;

- Promuovere iniziative atte a monitorizzare i problemi cardiovascolari per poterne leggere le reali dimensioni e potervi quindi dare adeguate risposte;

- Fornire agli Associati, dietro versamento degli esborsi sostenuti, gli strumenti ritenuti più idonei per partecipare proficuamente alle attività promosse dall’Associazione (cardiofrequenzimetri, pubblicazioni, magliette, ecc.);

- Istituire corsi di formazione sanitaria, borse di studio e fondi di solidarietà a favore di Associati indigenti, di Ospedali ed Enti affini, nonché di popolazioni provate da gravi calamità;

- Favorire ogni forma di collaborazione con altre organizzazioni di volontariato affini, adoperandosi in particolare per la costituzione di un coordinamento nazionale delle associazioni di volontariato per la lotta contro le malattie cardiovascolari, per intraprendere iniziative comuni volte alla salvaguardia dei diritti dei cardiopatici;


Striscione dell'associazione esposto durante
una manifestazione di "Cuore in piazza"
Per raggiungere questi obbiettivi ci siamo mossi sul versante dell’ particolare nel campo della prevenzione, promovendo iniziative di divulgazione attraverso tutti i canali disponibili e possibili, per far si che diminuisca il numero delle patologie, che non cresca quello delle categorie a rischio, ma anche, che si attenui il passaggio da categoria a rischio a categoria di infartuati o peggio.

La prevenzione e con essa l’educazione sanitaria contro i fattori di rischio, deve costituire una consuetudine culturale, iniziando dalle scuole di ogni ordine e grado, continuando nelle famiglie e nella vita sociale e lavorativa di ognuno di noi.
La cultura della prevenzione riguarda tutte le fasce d’età, è un diritto ma anche dovere dei cittadini e deve orientare i nostri comportamenti e stili di vita, ma anche indurre a una gestione della sanità nella quale l’utente non venga più relegato a ruolo di “paziente” fruitore di decisioni prese nell’ignoranza delle sue reali esigenze.

Ci proponiamo di essere, allora come oggi, pressanti ed efficaci perché le strutture esistenti si adeguino ai reali bisogni della collettività, mirando ad ottenere, in quantità e qualità, risposte soddisfacenti, nella constatata alta professionalità del personale medico ed infermieristico operante.
Pensiamo che il cardiopatico abbia il diritto di essere sottoposto a controlli periodici intesi a verificare le sue condizioni di salute, nella certezza che un cittadino in buona forma viva meglio e costi meno alla comunità.
Pensiamo inoltre che in caso di necessità deve poter fruire di tutte le più avanzate ed efficaci prestazioni specialistiche, farmacologiche e strumentali, cui si può fare ricorso, sia durante il ricovero che a domicilio.
Tali prestazioni saranno quelle che lo specialista ed il medico riterranno adeguate al suo particolare stato di salute.

È nel nostro cuore, ieri come oggi, la volontà di promuovere iniziative atte a monitorare i problemi cardiovascolari per poterne leggere le reali dimensioni e potervi quindi dare adeguate risposte.
La ricerca è una risorsa d’incalcolabile utilità, come tale va stimolata e vanno attivate tutte le condizioni di natura politica, scientifica ed economica, necessarie al suo sviluppo.
Ricerca e studio delle patologie cardio-cerebro-vascolari non possono prescindere dalla nascita dei registri provinciali e nazionali, a cura di gruppi epidemiologici misti, capaci di valutare gli indici di morbilità e di mortalità indotti dai malanni in questione; tali realizzazioni aiuterebbero a comprendere tanto l’entità dei fenomeni quanto quella degli investimenti complessivi necessari a farvi fronte.
Per quanto ci riguarda continueremo a muoverci nell’intento di realizzare gli obiettivi per i quali è nato Cuore Amico e cioè cercheremo di rendere operativo il nostro programma.
Certamente le cose da fare sono molte, ma è anche vero, che se saranno tante le mani che si uniranno in un gesto di amicizia e di solidarietà, riusciremo a raggiungere gli scopi che ci siamo prefissi.

Oggi siamo più forti, abbiamo a nostra disposizione, oltre al trimestrale Cuore Amico News, questo sito.
Le idee, le denunce, le lotte, le iniziative, le conquiste dell’Associazione possono essere diffuse tra gli associati, oggi la nostra voce ha trovato i suoi megafoni ed è diventata forte, capace di esprimere i reali bisogni di tutta la comunità mantovana compresa nei confini della sua Provincia e capace di farsi sentire ed ascoltare da chi, questi bisogni, ha il compito di soddisfare.

Internet partner: Omega-Net
[www.omeganet.it]